Questo blog nasce per dare più spazio ai libri che amo e che leggo


Librieparole
Questo blog nasce per dare più spazio ai libri che amo e che leggo.
Oltre alle mie recensioni, qui vorrei ospitare i miei e vostri consigli di lettura e tutto quello che ha a che fare con i libri
e con le parole... in libertà

venerdì 7 settembre 2012

Non all'amore né alla notte

Titolo: Non all'amore né alla notte
Autore: John Boyne 
Traduttore: Zuppet R.
Editore: Rizzoli 
Collana: Rizzoli Best 
Data di Pubblicazione: Ottobre 2011
ISBN-13: 9788817052696
Pagine: 320
Formato: rilegato
Reparto: Narrativa contemporanea


Per questo Venerdì del Libro vi propongo un romanzo tanto bello quanto doloroso: Non all'amore né alla notte, traduzione secondo me troppo libera del titolo originale The Absolutist

La storia
Siamo in Inghilterra, anno 1919. Il protagonista, Tristan Sadler, a soli ventun anni è già un veterano della Grande Guerra. Una guerra atroce che gli ha lasciato addosso un tremito incontrollabile alla mano destra e dentro un senso di colpa che gli farà vivere il resto dei suoi giorni nel rimorso per quello che ha fatto e nell'odio di sé.
Forse è per trovare un po' di pace che Tristan contatta e incontra la sorella di Will, un commilitone giustiziato durante la guerra perché obiettore di coscienza "assolutista" e del quale conserva un plico di lettere da riconsegnare alla famiglia. 
Questo incontro diventa occasione per Tristan di confessare a Marian ciò che nasconde da sempre.

La mia recensione
Una storia dolorosa. Leggendola non ci si può non appassionare e provare compassione per la triste vita del ragazzo, ripudiato dal padre, cacciato da scuola e da casa per aver provato a baciare un suo compagno:
"Questa non è la tua famiglia. Non hai più niente da spartire con noi. Sarebbe meglio per tutti noi se i tedeschi ti piantassero una pallottola in testa" è l'ultimo saluto di suo padre.
Per tutto il romanzo, narrato in prima persona da Tristan, l'affetto verso di lui cresce, ti schieri naturalmente dalla sua parte, non puoi fare altrimenti, senti di volergli bene e di potergli perdonare tutto. O forse no.
Alla fine ti senti spaccato, vorresti gridargli di non farlo, forse anche giustificarlo, ma forse non si può.
L'attenuante della guerra non basta.
Un racconto forte, dove esplodono i sentimenti e i caratteri sono ben delineati. Vi troverete coraggio, paura e tanta voglia di libertà.
Tranquilli il fazzoletto non serve, se non ho pianto io...

7 commenti:

  1. Deve esssere molto bello! Me lo segno nella lista dei desideri!
    Ciao Cri, grazie per il consiglio!
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato molto bello e coinvolgente, anche se la storia è molto triste. L'autore è lo stesso de "Il bambino con il pigiama a righe", anche questo molto bello.

      Elimina
  2. Ci sono in giro tanti di quei libri belli, no? La tua wish list non contiene neppure un titolo che ho letto, ah pazzesco, ho un dubbio su Suite Francese, forse letto e abbandonato ho un vago ricordo di un libro che non mi è piaciuto. baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Suite francese mi incuriosisce soprattutto il titolo e devo aver letto da qualche parte dei commenti che mi hanno ben disposta.
      Baci

      Elimina
  3. Risposte
    1. spero ti piaccia quanto è piaciuto a me

      Elimina
  4. Questo libro è bellissimo ...

    RispondiElimina